Siglato un accordo tra Banca Popolare di Verona e  Associazione Diocesana Opere Assistenziali (A.D.O.A.)

Siglato un accordo tra Banca Popolare di Verona e Associazione Diocesana Opere Assistenziali (A.D.O.A.)

A rafforzamento della sinergia instauratasi nel tempo tra Banco Popolare e Diocesi di Verona

Verona, 7 giugno 2016

A rafforzamento della sinergia instauratasi nel tempo tra Banco BPM e Diocesi di Verona, questa mattina nella Sala dei Vescovi, presso la Curia di Verona, é stato sottoscritto un accordo tra Banca Popolare di Verona, Gruppo Banco BPM, e l’Associazione Diocesana Opere Assistenziali (ADOA) a favore delle numerose strutture associate.

Erano presenti il Vescovo di Verona, Monsignor Giuseppe Zenti, il Presidente di ADOA Monsignor Giampietro Fasani, il Segretario Generale di ADOA, Tomas Chiaramonte, il Presidente del Banco BPM, Carlo Fratta Pasini, il Responsabile della Divisione Banca Popolare di Verona del Banco BPM, Giordano Simeoni, il Responsabile Enti Religiosi del Banco BPM, Gianmarco Castellani e i rappresentanti dei 40 enti aderenti all’Associazione.

L’accordo che prevede l’accesso ad un conto corrente a condizioni di favore ha come obiettivo, non solo rendere sempre più efficienti i processi finanziari necessari alla vita degli enti, ma anche iniziare un percorso di individuazione di progetti di qualità a favore delle persone bisognose per partnership di finanziamento mirato. Gli associati ADOA potranno accedere alle condizioni previste dall’accordo.

«Questa intesa è l’espressione dei buoni rapporti che il nostro istituto intrattiene da sempre con la Diocesi e conferma l’attenzione che riserviamo alle esigenze del mondo religioso – Spiega Giordano Simeoni, Responsabile della Divisione Banca Popolare di Verona, Gruppo Banco BPM. – Il dialogo costante con le realtà dei nostri territori ci aiuta a comprenderne le esigenze permettendoci così di proporre soluzioni in grado di rispondere alle loro reali necessità».

«A seguito di una ricerca che ha coinvolto alcuni tra i gruppi bancari più importanti del mercato è stato sottoscritto un primo importante accordo annuale alla luce delle valutazioni di uno dei tavoli tecnici di ADOA e della segreteria generale che ha curato tutte le fasi della trattativa, – spiega Mons. Giampietro Fasani – presidente di ADOA. – Auspico che tali relazioni siano colte dal mondo bancario ed imprenditoriale come un’opportunità per non disperdere le risorse e per farsi strumenti efficaci del sistema di cura della Persona che vive momenti di fragilità».