Sisma Italia Centrale. La Banca a sostegno <br>delle famiglie e imprese colpite
Sospensione rate mutuo.

Sisma Italia Centrale. La Banca a sostegno
delle famiglie e imprese colpite

Ordinanza n. 388/2016 del Capo Dipartimento della Protezione Civile.

Estensione degli effetti degli Interventi urgenti di protezione civile in conseguenza degli ulteriori eccezionali eventi sismici che hanno colpito il territorio delle Regioni Lazio, Marche, Umbria e Abruzzo il 30 ottobre 2016.

 

Il Consiglio dei Ministri nella riunione del 31 ottobre 2016 ha deliberato – in conseguenza degli ulteriori eventi sismici che il giorno 30 ottobre 2016 hanno colpito nuovamente il territorio delle regioni Abruzzo, Lazio, Marche e Umbria – l’estensione degli effetti dello stato di emergenza dichiarato con delibera del 25 agosto 2016 a cui fanno riferimento le disposizioni emanate dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento della Protezione Civile (OCDPC) n. 388 del 26 agosto 2016, pubblicata sulla G.U. n. 201 del 29 agosto 2016.

In conformità alle disposizioni di cui sopra e al fine di fornire il massimo sostegno ai territori colpiti dagli eccezionali eventi meteorologici, il Banco BPM, per il tramite di tutte le società del proprio Gruppo, conferma ed estende ai clienti interessati dal sisma del 30 ottobre 2016 le misure precedentemente adottate, ovvero applicherà d’iniziativa soluzioni migliorative rispetto a quelle prescritte dall’Ordinanza della Protezione Civile sopra citata, secondo le condizioni, i termini e le modalità che seguono.

La sospensione delle rate dei mutui scadenti tra il 30 ottobre 2016 ed il 30 ottobre 2017 verrà applicata senza addebiti a carico dei clienti, sia privati che imprese, che risultano titolari di mutui relativi ad immobili ubicati nel territorio dei Comuni colpiti dal sisma del 30 ottobre 2016 o relativi alla gestione di attività di natura commerciale ed economica svolte nei medesimi edifici, e, tenuto conto della difficile situazione generale delle zone colpite dal sisma, senza necessità che i clienti stessi debbano farne esplicita richiesta.

Ai clienti interessati verrà inviata un’apposita comunicazione contenente le informazioni in merito alle modalità di applicazione dell’agevolazione nonché una lettera da utilizzare per comunicare l’eventuale accettazione della sospensione nei termini anzidetti. Coloro che intendano usufruire dell’agevolazione dovranno pertanto restituire alla Banca la sola lettera di accettazione debitamente sottoscritta.

Il presente comunicato ha validità per tutte le Società del Gruppo Banco BPM.