Assegni Estero
Conosci bene
la controparte?

Tutelati se tratti assegni dall’estero, vista la diversità
e la variabilità degli ordinamenti dei Paesi stranieri.

SERVIZI DI PAGAMENTO ALL’ESTERO PER LE IMPRESE.
CONOSCERE PER TUTELARSI.

Finalità e vantaggi

L’assegno estero rappresenta uno strumento di pagamento da utilizzare solo quando esiste una profonda e consolidata conoscenza della controparte debitrice, poiché presenta di solito rischi maggiori rispetto al medesimo strumento domestico, in quanto i diversi ordinamenti giuridici vigenti nei paesi esteri non regolamentano i termini ed i tempi di comunicazione di un eventuale impagato, tanto che i titoli possono essere restituiti insoluti anche a distanza di parecchi mesi dalla data di negoziazione Sbf.


Principali caratteristiche

  • In molti paesi esteri l’assegno non costituisce titolo esecutivo, ma solo probatorio, di legittimazione, con la conseguenza che il pagamento può essere bloccato dal cliente con una semplice richiesta di “stop payment”. Anche un eventuale protesto non sempre corrisponde alle azioni e conseguenze previste dall’ordinamento italiano e si concretizza in una semplice dichiarazione di mancato pagamento. La restituzione di un assegno impagato può essere evitata trattando il titolo non per l’accredito immediato Sbf ma al “dopo incasso”. Anche se i costi di tale servizio sono maggiori, una volta che la banca estera trassata conferma il pagamento, il cliente può considerare l’accredito irrevocabile.
  • I clienti esportatori che incassano assegni espressi in $US e $Can tratti su banche statunitensi o canadesi, possono usufruire del servizio al dopo incasso ‘Final Credit Service’ che consente di contenere i costi ed accorciare i tempi di liquidazione garantendosi l’irrevocabilità dell’accredito.