Anticipi Export su fatture, contratti e previsioni di esportazioni
Strumenti per stimolare le esportazioni

L’anticipo su fatture export finanzia i crediti vantati da un esportatore a fronte di vendite già effettuate sull’estero

Anticipi Export su fatture, contratti e previsioni di esportazioni

per le vendite già effettuate sull’estero, le commesse
o i contratti di esportazione, per finanziare progetti

Finalità e vantaggi

L’anticipo su fatture export finanzia i crediti vantati da un esportatore a fronte di vendite già effettuate sull’estero. L’anticipo su contratto si utilizza invece quando le aziende chiedono di finanziare le commesse o i contratti di esportazione già a loro mani o rappresentati da ordini ricevuti. Il finanziamento di previsioni d’esportazione è utile alle aziende per finanziare progetti con obiettivi di vendita commisurati alle singole potenzialità produttive e sulla base dell’andamento storico dei relativi flussi di esportazione.


Principali caratteristiche

  • La durata delle anticipazioni va commisurata ai termini di pagamento che l’esportatore finanziato concorda con la propria controparte.
  • La forma di regolamento dei crediti è importante per la valutazione del rischio (da bonifico a credito documentario confermato).
  • L’importatore estero deve essere chiaramente istruito dall’esportatore in merito alla diretta canalizzazione dei pagamenti sulla Banca che ha concesso l’anticipo/finanziamento, così da poterlo estinguere utilizzando gli introiti pervenuti direttamente dall’estero.
  • Le anticipazioni/finanziamenti possono essere espresse sia in euro sia in divisa, in relazione alle esigenze del cliente ed in funzione delle sottostanti operazioni commerciali.

Anticipi e finanziamenti possono essere regolati con modalità a scalare (imputazione periodica degli interessi) oppure a partita (gli interessi sono addebitati alla scadenza), quest’ultima forma è obbligatoria se l’operazione è in divisa.