Banca Popolare di Verona e Apindustria Verona insieme per le Piccole e Medie Imprese

Banca Popolare di Verona e Apindustria Verona insieme per le Piccole e Medie Imprese

Banca Popolare di Verona e Apindustria Verona insieme per le Piccole e Medie Imprese

Banca Popolare di Verona e Apindustria Verona hanno sottoscritto un accordo di collaborazione dedicato alle piccole e medie imprese. L’intesa prevede una serie di servizi e prodotti mirati pensati per garantire un sostegno concreto alle aziende associate.

Tra i prodotti messi a disposizione nell’accordo c’è Mutuo Imprese Flessibile, un finanziamento innovativo che permette di allineare in modo preciso il pagamento delle rate ai flussi finanziari attesi dall’impresa mediante tre differenti soluzioni di “costruzione” del piano di rimborso e tre opzioni esercitabili nel post vendita in modo da adattare in modo flessibile il finanziamento alle esigenze della singola azienda associata.
Finanziamenti TLTRO: Finanziamenti con condizioni agevolate predisposto nell’ambito dell’apposito Plafond definito dalla Banca Centrale Europea per sostenere l’erogazione dei prestiti all’economia reale per finanziare gli investimenti e l’attività caratteristica dell’impresa che possono essere abbinati a specifiche garanzie pubbliche. Anticipo Crediti certificati dalla Pubblica Amministrazione: costituito nell’ambito dell’ “Accordo per il Credito 2013” sottoscritto dall’Abi e le Associazioni di rappresentanza delle Imprese, prevede apposite linee di credito per “l’anticipazione” dei crediti vantati nei confronti della Pubblica Amministrazione e certificati dal Ministero dell’Economia e delle Finanze.

L’accordo prevede anche una serie di servizi specialistici, in particolare per supportare le imprese associate all’Internazionalizzazione. Nel dettaglio, saranno seguite nei rapporti con l’Ente pubblico ICE (Istituto Commercio Estero), e con il Consorzio Go To World, che offre un percorso certificato di valutazione delle potenzialità di ciascuna impresa nell’affrontare i mercati internazionali attraverso linee guida, strategie, azioni da intraprendere e risorse da attivare. Le Imprese Associate avranno diritto ad un primo contatto di check gratuito del consulente esterno.

Previsti poi servizi legati all’incasso e al pagamento. YouInvoice, la specifica piattaforma informatica che consente di soddisfare i nuovi vincoli legislativi, in particolare l’obbligo della Pubblica Amministrazione di accettare dai propri fornitori esclusivamente fatture predisposte in modalità elettronica. YouCard Business, l’innovativa carta emessa da Banco BPM che offre all’azienda la possibilità di gestire in tempo reale tutti i parametri di funzionamento di ogni carta utilizzata dal proprio personale. Previsto, infine, il servizio di riclassificazione e analisi del bilancio aziendale, per la determinazione del rating dell’Impresa associata attraverso l’esame di personale di filiale specializzato.

“L’accordo sottoscritto con Apindustria garantisce un importante incentivo alle imprese associate. Abbiamo messo a disposizione degli strumenti che agevolano la fruibilità di nuovi finanziamenti e servizi innovativi di gestione – commenta Giordano Simeoni Direttore della Divisione della Banca Popolare di Verona – L’iniziativa è un’ ulteriore conferma dell’ impegno del nostro istituto per il rilancio dell’economia dei nostri territori e l’auspicio è che le aziende associate possano cogliere le opportunità di crescita e di sviluppo nei diversi settori di appartenenza.”

“Valutiamo molto positivamente l’accordo con Banca Popolare di Verona e ringrazio per questo risultato la Vice Presidente di Apindustria Vincenza Frasca. È segno di una ritrovata intesa dopo anni in cui, a causa di molteplici fattori, i rapporti tra Istituti di Credito ed Imprese si erano raffreddati” commenta Arturo Alberti Presidente di Apindustria Verona “L’accordo va nella giusta direzione: una banca che si rivolge alle imprese del territorio consente il ritorno del sistema tra Impresa e Finanza. Ora non ci sono scuse che tengano, alle aziende deve appartenere l’entusiasmo nella realizzazione d’investimenti per ricreare ricchezza e benessere sul territorio, alle banche invece il compito di accompagnare le idee e le azioni degli imprenditori in una reale comunione di intenti”.